Vi presento un blog…di fotografia

Con un po’ di ritardo ecco qui la terza tappa della Caccia al Tesoro 2012 di Mammafelice, in cui vi presento un blog di fotografia.

Di blog di fotografia (di moda, arte, natura, architettura, viaggio, etc..) se ne trovano a bizzeffe e molti di essi sono di qualità, perciò sceglierne uno solo da consigliare mi ha messo in difficoltà. Inoltre le altre partecipanti alla Caccia al Tesoro hanno consigliato dei blog piacevolissimi e interessanti (trovate l’elenco con i link qui), io non avrei saputo fare di meglio.

Così vi presento un blog in cui le fotografie non spiccano certo per qualità, ma sono usate in maniera originale ed ironica e, almeno per me, esilarante!
Si tratta del blog Studio Arthur di Emily Cleaver, mamma americana pazza e geniale, che fa impersonare al suo bambino alcune scene tratte da classici del cinema.

Per esempio, ecco Arthur in “American Beauty”:

Qui mette in scena “Il settimo sigillo”:

E qui una delle mie scene preferite di uno dei miei film preferiti, “Il Padrino” [mi sono venute le lacrime agli occhi dal ridere :D]

from /www.studioarthur.co.uk

Sul suo blog trovate anche scene tratte da Shining, Fargo, Blair Witch Project, Mission Impossible, Lo squalo e tante altre, che spero vi strappino un sorriso o una risata come hanno fatto con me!

Se volete seguire Arthur e la sua pazza mamma, potete farlo solo tramite Twitter (@EmilyCleaver).

Buona Visione, fatemi sapere se il mio consiglio vi è piaciuto!

Annunci

Mamma Che Blog!

Dopo mille indecisioni, spinta dalla curiosità e dalla voglia di incontrare altre mamme della rete ho deciso di partecipare al Mammacheblog Social Family Day, organizzato da Fattore Mamma.

Ora, considerando che ho aperto il blog nella completa ignoranza della materia, da poco tempo e che non sapevo quasi nulla del mondo delle Mommy Blogger, se non che adoravo Machedavvero, Filastrocche e Mammaimperfetta, non mi sono resa conto della portata dell’evento e ho preso la cosa sottogamba. Parecchio sotto gamba. Diciamo sotto piede.

Sono partita con l’idea di incontrare 4 mamme blogger alle prime armi come me, con cui avrei scambiato 4 chiacchiere su svezzamento, risvegli notturni, dentini e cosí via, scambiandoci degli amichevoli consigli sulla vita da mamma e su come usare il mefistofelico ed ingannevole WordPress.
Mi ero anche iscritta ad un corso offerto dagli organizzatori che pensavo fosse una specie di “WordPress per Dummies”.
In un momento di inopportuna spavalderia avevo anche deciso di presentare il blog nel Mom ShowCase, cioè in un video, sempre pensando che fosse una cosina per pochi intimi.

E invece, Surprise, Surprise!

Innanzitutto, c’era un fottio di gente.
Ci tengo a dirlo subito: c’erano molte più persone rispetto a quelle che vengono ai convegni o corsi di formazione a cui di solito partecipo, peraltro molto, molto, più noiosi e sempre popolati quasi esclusivamente da fauna maschile barbosa e saccente.
Già 5 minuti dopo il mio arrivo mi ritrovo circondata di mamme e bambini in festa, che si salutano e abbracciano l’una con l’altra, come amiche di una vita. Ma quante sono?? Più di 200, leggo dalla brochure.

PANICO. 😯

Il clima è piacevole e familiare, però non conosco nessuno, mi sento in imbarazzo e medito per un attimo di scappare via.
Mentre medito mi siedo accanto ad un bidone dell’immondizia per non sentirmi sola. L’Amico Bidone mi accoglie silente.
In quel mentre mi twitta ognunohailsuomotivo, una simpaticissima mamma blogger incontrata per caso in rete.
“Ma ‘ndo stai?”
Anche lei aveva trovato un Amico Bidone e mi cercava [proprio me!]: non è tipa dalle conversazioni silenti con bidoni compiacenti, Lei!
E’stato subito feeling, ci siamo trovate a parlare anche noi come vecchie amiche, tirando subito fuori le foto dei pargoli e scoprendo ad ogni frase interessi in comune. 😀

Cosí, come alle elementari, avevo trovato una compagna di banco!
E proprio come alle elementari, abbiamo scoperto che eravamo fuori del giro delle bimbe Troppo Yes, che per motivi a noi ignoti [che ora conosco!] esibivano con orgoglio una molletta da bucato decorata.

L’evento è stato inaspettatamente interessante, stimolante e coinvolgente, ben gestito dagli organizzatori e ben vissuto dalle partecipanti, tutte allegre e preparatissime.
Hanno pensato proprio a tutto! Fuori dall’area buffet hanno addirittura organizzato apposta la Fiera del petto nudo da beach volley. :mrgreen:

Sono intervenuti personaggi incredibili, di quelli che vorresti fossero i tuoi amici di sempre, come Chiara, Jolanda, Barbara (com’è possibile che non la conoscessi? E’ una donna incredibile) o il Guru Luigi Centenaro.
Si è parlato di argomenti, problemi e mestieri che neanche sapevo esistessero, aprendomi gli occhi su un nuovo mondo, fatto di tante persone vere e appassionate, proiettate verso il futuro in un modo che non avrei neanche potuto immaginare.
[Ma dove son vissuta sinora?]

Dopo l’utilissimo corso [purtroppo non su WordPress] e dopo la pietosa presentazione del blog [che non linkerò per rispetto di voi e soprattutto di me stessa…] sono tornata a casa con l’emozione palpitante che avevo alla fine di una gita, con tante idee e progetti da realizzare nella testa e con una nuova amica nel cuore.
WoW.